Licenziamenti per giusta causa

La giusta causa è un concetto usato dal codice civile italiano (art. 2119 c.c.) che riguarda un comportamento talmente grave da non consentire la prosecuzione del rapporto neppure a titolo provvisorio, in sostanza, neppure per il tempo previsto per il  preavviso di licenziamento.

Ad esempio, possono costituire giusta causa di licenziamento il rifiuto ingiustificato e reiterato di eseguire la prestazione lavorativa, il rifiuto a riprendere il lavoro dopo una visita medica che ha constatato l’insussistenza di una malattia, il lavoro prestato a favore di terzi durante il periodo di malattia se tale attività pregiudica la pronta guarigione ed il ritorno al lavoro, la sottrazione di beni aziendali nell’esercizio delle proprie mansioni, una condotta extralavorativa penalmente rilevante od idonea a far venir meno il vincolo fiduciario.

La nostra consulenza può aiutarvi a raccogliere elementi di prova atti ad avvalorare il licenziamento per giusta causa del dipendente scorretto, tutelando la Vostra azienda nell’eventuale azione legale.

leggi LEGGI TUTTO   home VAI ALLA HOME